Come avere i capelli ricci senza piastra
Posted in Blog

Avere capelli ricci senza piastra è il desiderio di tutte soprattutto adesso che l’estate sta arrivando e la voglia di liberare il capello dalla costrizioni del phon+spazzola e dalla piastra aumentano!

Quante volte il caldo afoso ci ha fatto venire voglia di lavarci i capelli e lasciarli asciugare al sole? La risposta sarà Spesso, soprattutto se si ha una chioma leonina difficile da gestire – abbiamo provato a farlo qui!
Negli ultimi anni, grazie al lavoro di numerose video blogger da tutto il mondo, si sono diffuse molte tecniche naturali per avere l’effetto beach waves hair, ossia l’effetto spiaggia, e noi vogliamo mostrarvene qualcuna.

Plopping

Il poppling è la nuova frontiera dei capelli ricci senza piastra eliminando il crespo. Per fare il plopping serve soltanto un asciugamano, meglio se in microfilma perché elimina ulteriormente la possibilità di rendere i capelli crespi. Una volta lavati i capelli e nutriti, vengono posizionati all’interno dell’asciugamano formando un particolare tipo di turbante. A questo punto i capelli si possono direttamente asciugare con un phon mantenendo sempre l’asciugamano oppure aspettando l’asciugatura in modo naturale. Importante è non dimenticare di utilizzare una crema che dia un effetto volumizzato al plopping, come la LMZ Shaper che esalta l’effetto wavy anche nei capelli lisci.

Metodo L.O.C.

Il metodo L.O.C. nasce nel mondo afro che di capelli ricci senza piastra ne capisce moltissimo, e si basa sul concetto del riccio idratato e superdefinito, da qui l’anagramma L(leave in -liquido) O(oil) C(cream).
Il processo di asciugatura si divide in tre fasi:
  • L: i capelli vanno leggermente inumiditi con acqua. Per avere un risultato omogeneo è necessario utilizzare un erogatore spray che contiene acqua e, a piacere, anche un balsamo da non risciacquare o l’aloe vera che dona maggiore morbidezza.
  • O: si passa sulle ciocche in modo uniforme un olio nutriente, come quello al cocco o all’oliva che limitano l’evaporazione dell’acqua, elemento fondamentale che serve al capello per idratarsi, mantenendo il capello più grasso, ma non per questo unto!
  • C: ultimo passaggio è la crema idratante, da passare anch’essa uniformemente evitando sul cuoio capelluto. Come crema è preferibile utilizzarne una che abbia dei burri altamente nutrienti, ad esempio il burro di karitè, come la LMZ Creme Beach Effect che conferisce morbidezza all’istante e aiuta a modellare il crespo più difficile.

Metodo Fitarem

Il metodo Fitagem è una tecnica che ha spopolato in Brasile e da alcuni anni viene utilizzata dalle giovani europee. Il punto di forza della metodo Fitagem sta nell’alta definizione del riccio che perde totalmente la sua condizione di crespo. Unico punto debole: il processo risulta essere troppo lungo!
Come si fa il fitagem? E’ molto semplice! Una volta lavati i capelli si prepara una lozione composta da balsamo senza risciacquo e un olio molto nutriente, si prende una ciocca e si separa in ciocche più piccole ed, infine, si raccolgono in una mano per formare i ricci. Ultimo passaggio: si passa sulle ciocche del gel fissante, come l’LMZ Sleek Gel che conferisce corpo e allo stesso tempo difende il capello dagli agenti esterni grazie ai suoi ingredienti ultra protettivi come l’arnica e l’aloe vera. Una volta terminato il processo si può procedere all’asciugatura, preferibilmente con un diffusore e a testa in giu.

PUOI RICHIEDERE I PRODOTTI TECNA PRESSO I SALONI CONVENZIONATI E NELLO SHOP ONLINE

Comment (1)

  • Ho pensato quindi di venire incontro a tutte quelle che amano le messe in piega sui capelli medi e lunghi, per avere sempre delle belle onde o dei ricci da sfoggiare, anche e soprattutto adesso che e estate e magari siete al mare, con i capelli bagnati, e dovete essere pronte per l aperitivo dopo poche ore!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Start typing and press Enter to search

Shopping Cart